Sezione di Arco

Nuovo anno scout 2018/2019

Finalmente riparte un nuovo anno scout!

Sabato 29 settembre gli scout Cngei della Sezione di Arco si sono trovati in sede, a Villa Tappainer per iniziare un anno pieno di avventure ed esperienze.
Alle ore 15.00 quadrato di apertura con alzabandiera e pomeriggio dedicato a varie attività ognuno con le diverse branche. Poi, verso sera, una gustosissima “Aperiapertura”, con pizzette, stuzzichini,panini e riso per tutti. Un pasto veloce per continuare poi con le attività serali vero fulcro della giornata: i passaggi.

In località Ceole si sono svolti i passaggi, i Lupetti dell’ultimo anno sono stati accolti dagli Esploratori in Reparto. Tantissima emozione per questi dieci giovani Lupetti che hanno abbandonato il branco per proseguire il loro cammino di crescita scout. Anche per gli Esploratori dell’ultimo anno è giunto il momento di lasciare il Reparto per diventare Rover ed entrare in Compagnia. Ai Rover si sono aggiunti quattro nuovi membri che hanno affrontato nel buio serale, illuminati dalle lanterne, la cerimonia di accoglienza. Hanno preso la “partenza” quattro Rover ormai giunti alla fine del loro percorso scout. Lasciare i propri compagni di viaggio non è facile e lascia sempre un po’ di magone, ora potranno fare parte dei Senior gli adulti della Sezione e dare una mano così all’interno dell’associazione, magari affiancando i capi. Finite le cerimonie Esploratori e Rover hanno passato la notte in tenda, non prima di aver fatto quattro chiacchiere e aver cantato qualche canzone. La mattina smontate le tende e fatta colazione, verso le dieci del mattino è stato fatto il quadrato di chiusura. Stanchi e felici i neo esploratori che per la prima volta hanno passato la notte in tenda, emozionati per questa nuova esperienza.

 

Per chi volesse provare l’emozione dello scoutismo può venire a trovarci sabato 13 ottobre alle ore 14.30 nella nostra sede a Villa Tappainer.

Autofinanziamento, che lavoro!

Che fatica manca soddisfazione!

Gli sforzi per le attività di autofinanziamento Arco Bonsai e Palio delle contrade di Bolognano, sono stati ripagati.
Arco Bonsai si è svolto nel primo fine settimana di maggio il 4, 5 e 6 . Tantissime le grigliate di carne, vegetariane e vegane cotte e servite a tutti gli ospiti. Tre giorni di continuo lavoro rovinati purtroppo dal tempo che ci ha rovinato un po’ i piani. Anche i lupetti si sono dati da fare come camierieri correndo come matti tra i tavoli.
Il
Palio delle Contrade di Bolognano si è svolto nel tradizionale clima di festa, abbiamo aperto il bar e la cucina sabato 26 maggio, fino a sabato 10 giugno. Ovviamente non eravamo aperti tutti i giorni, ma solo nelle sere dove erano previste le gare sportive, dove le contrade si sfidavano in partire di pallavolo calcio, corsa e molto altro. Purtroppo la pioggia non ci ha abbandonati, ma nessuno si è perso d’animo e patatine, panini con pasta di mortadella e wurstel hanno fatto da padrone. Ci dispiace segnare un piccolo furto che abbiamo subito in una delle serate finali. Portate via dalla cassa monete e alcune banconote del valore totale di 50 euro, e quel che peggio i ladruncoli si sono divertiti nell’aprire l’estintore sporcando l’attrezzatura.
Ci preme ringraziare la ditta Mazzoldi per aver prestato gli estintori, Horeca per il frigo bibite, Infotre per la cassa e Galas per le reti.

205 Lupetti a Cesenatico!

Che campo fantastico! Dal 28 aprile al primo maggio, tutti i Lupetti della regione Trentino Alto Adige, si sono radunati a Cesenatico, presso la struttura Areat gestita dalla Provincia di Trento.


In totale ben 205 scout appartenenti ai Branchi delle Sezioni Cngei di: Arco, Bolzano, Calceranica, Rovereto e Trento.
Ad accompagnare questo piccolo esercito di scalmanati ben 33 capi educatori e 13 senior impegnati nel supporto logistico.
Il tema scelto di questo incontro regionale è stato «Lupettopolis». Ispirati dal famoso cartone «Zootropolis»  , sono state organizzate varie attività e giochi per tutti i Lupetti, che divisi in gruppi, si sono cimentati in varie prove.
Il tempo fortunatamente ha permesso di svolgere tutte le attività organizzate. Ovviamente non è mancato un “salto” in spiaggia, anche se le temperature non hanno permesso un tuffo in acqua, tanto sperato dai Lupetti.
Realizzata anche una maglietta ufficiale del campo, color verde, consegnata ai Lupetti durante il secondo giorno. Una macchia verde, festante e rumorosa che di certo non è passata inosservata.
Questi giorni a stretto contatto, tra gli scout delle varie Sezioni, ha dato opportunità ai ragazzi di stringere nuove amicizie, dispiaciuti però di doversi lasciare dopo aver condiviso tante emozioni in così poco tempo. Alla partenza degli autobus alla volta del Trentino Alto Adige, qualche faccia triste per l’avventura finita. Comunque tutti felicissimi, con uno zaino pieno di nuovi ricordi e con il pensiero ai nuovi amici trovati. che incontreranno ancora tante volte nelle future attività scout!

Giornata dei Sensi

Un sabato pomeriggio bellissimo, in amicizia, tra i nostri scout e i fratelli Agesci dei gruppi di Arco e Riva del Garda.
Sabato 7 aprile più di cento ragazzi scout dei tre gruppi, hanno svolto delle attività per le vie del centro storico di Arco.
La giornata organizzata da tempo dagli staff capi, aveva come argomento i cinque sensi: gusto, olfatto, udito, tatto e vista.
Cinque basi distribuite per la città, dove i ragazzi, divisi in squadre miste si sono cimentate in varie sfide, mettendo alla prova la prontezza dei loro sensi.

A supportare la giornata pure la Cooperativa IRIFOR, di Trento. La Cooperativa si occupa delle disabilità visive, sensibilizzando la popolazione, promuovendo la ricerca e sostenendo chi è colpito, per vari motivi da cecità totale o parziale. IRIRFOR ha portato in piazzale Segantini l’ormai famoso «Bar la Buio». Una camion, con il rimorchio allestito come un bar, ma con la particolarità di servire cibi e bevande in totale assenza di luce.

Con questo ingegnoso espediente, si vuole far vivere un’esperienza diretta su cosa vuol dire vivere la quotidianità senza l’utilizzo della vista. All’interno del bar si possono consumare bevande per tutti i gusti, serviti da baristi e camerieri non vedenti. Prendere in mano un bicchiere, portarselo alla bocca e posarlo sul tavolo, senza poter vedere, è un’esperienza davvero forte che all’inizio può dare una sensazione di disagio. Una volta abituati al buio, subentra una certa pace e rilassatezza; l’udito si affina, il tatto diventa più sensibile e i movimenti sono meno bruschi e più accorti.
Ovviamente, sia lupetti, esploratori che rover hanno provato, in piccoli gruppi il bar, ognuno provando sensazioni diverse. Il pomeriggio si è concluso, con un cerchio, in piazzale Segantini verso le 18.30, sotto un piacevole sole primaverile. Capi e ragazzi sono andati via soddisfatti, felici delle attività e dei volti nuovi che hanno condiviso inseme a loro questa giornata.

 

 

 

 

Giornata del Pensiero

Sabato 24 febbraio tutta la Sezione scout di Arco si è data appuntamento presso la sede di Villa Tappainer.
Tradizionalmente la Giornata del Pensiero cade il 22 febbraio, giorno di nascita del fondatore dello scoutismo Baden Powell e casualmente anche della moglie Olave, nata 32 anni dopo il marito, allo stesso modo impegnata nello scoutismo.
La giornata è dedicata per riflettere sul senso dello scoutismo e viene festeggiato in tutto il mondo. Solitamente in questa giornata si raccoglie un penny da ogni scout (nel nostro caso un euro), da devolvere in beneficenza. La somma raccolta è stata donata all’associazione Clown Family di Arco, che porta un sorriso e sollievo negli ospedali e case di cura.

La giornata è stata speciale e piena di sorprese. I senior hanno organizzato un gioco, una caccia al tesoro per le vie di Arco per coinvolgere lupetti, esploratori e rover, in tappe di abilità. Anche i capi, non erano a conoscenza dei giochi, hanno giocato insieme i loro ragazzi; si sono messi in gioco con loro per trovare la soluzione alle varie prove. Un pomeriggio di scoperte e sorprese per tutti. Ma la giornata non si è esaurita così, infatti i ragazzi alla fine della caccia al tesoro hanno trovato, giustamente, un forziere…..pieno di foulard!

Da questo momento tutti i ragazzi hanno il foulard uguale, sia lupetti

che esploratori e rover. Non vedremo più i rover con il foulard metà giallo e metà azzurro o gli esploratori con il fazzolettone azzurro con una striscia gialla, ma tutti indosseranno il foulard dei lupetti: azzurro con la striscia gialla su entrambi i lati. Questa è stata una scelta per uniformare tutte e tre le unità. Decisione che ha fatto felici anche le nostre Senior, che dovranno cucire un modello solo per tutti!
Il pomeriggio ha soddisfatto tutti, dai grandi e piccoli. I capi si sono divertiti un mondo a giocare con i loro ragazzi senza preoccuparsi per una volta dell’organizzazione delle attività. I senior sono stati felici di partecipare in prima linea all’organizzazione della giornata. Una bella esperienza da ripetere sicuramente!

Campo invernale Esploratori

Anche il nostro Reparto Robin Hood ha fatto il suo campo invernale! Approfittando delle vacanze scolastiche di carnevale, il 10, 11 e 12 febbraio, i nostri esploratori e i loro instancabili capi hanno passato tre giorni densi di attività. Nei pressi pressi del lago di Cei la casa scelta, che ha ospitato i sedici ragazzi, capo reparto e la vice capo reparto. Arrivati sul posto, dopo aver sistemato zaini e sacco a peli è iniziata la prima attività prettamente manuale:la creazione del proprio nome di pattuglia su un asse utilizzando chiodi e filo. Approntata anche l’alza bandiera all’esterno della casa, tutto era pronto. Finita la prima attività sono stati fatti dei giochi sulla legge Scout e Baden Powell, mentre si cercava materiale per costruire il un “telegrafo luminoso”. Con l’utilizzo di una piccola torcia è possibile comunicare con il linguaggio morse attraverso segnali di luce. Anche i pasti erano responsabilità dei ragazzi. Ogni pattuglia, a turno, si recava in cucina per preparare il pranzo o la cena, aiutati da un capo. Il giorno seguente una bella attività all’aria aperta per impratichirsi con il metodo «azimut». Una tecnica che utilizza i gradi in riferimento ai punti cardinali per muoversi nell’ambiente. Non è mancato il pranzo alla «trapper» tanto amato dai nostri ragazzi: un bel fuoco alimentato con la legna trovata nel bosco, dei bastoncini per infilzare il cibo e tanta pazienza e attenzione per mangiare le pietanze cotte a puntino. L’ultima sera non è mancato il «Fuoco di Bivacco», con canti e risate in compagnia e poi il momento più solenne ed emozionante: le promesse scout dei nuovi esploratori. Un punto di partenza per un nuovo cammino ed essere ufficialmente parte del Reparto. Il mattino seguente pulizie della casa, affardellamento dello zaino e poi tutti sulla via di ritorno. Quando ci si diverte le giornate passano in fretta ma con tantissimi ricordi da raccontare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Campo invernale Lupetti

Che bella esperienza per il Branco. Il fine settimana dall’ 8 al 10 dicembre i lupetti hanno fatto il loro campo invernale presso la colonia di Pralungo, vicino a Montevaccino, sopra Trento.
Emozionati tutti i Lupetti, quelli del primo anno alla loro prima esperienza, ma anche i più grandi che conosco bene i sentimenti che porta un campo.
Purtroppo la neve, tanto sperata, non è arrivata ma ciò non ha fermato il divertimento del Branco. Molte le attività svolte sia in casa che all’aperto, sfidando un freddo pungente che spesso ha fatto scendere la temperatura sotto lo zero. Il momento più emozionante è stato sabato sera con la cosegna delle promesse ai nuovi Lupetti. Agitati i pormessandi ed emozionati i Capi nell’accogliere nella grande famiglia del Branco i nuovi arrivati. La cerimonia si è svolta fuori, con il buio della sera e con le torce ad illuminare il percorso che ha portato, passando per i vari Capi, ad Akela che ha consegnato loro il foulard.
I Lupetti poi sono andati a dormire, i nuovi talemte emozionati si sono infilati nel letto con foulard al collo. La Domenica, dopo una bella colazione, sono iniziate le pulizie della casa grazie ai capi e senior presenti e a qualche genitore particolarmente volenteroso. Fatto il quadrato di chiusura e gli immancabili urli di Muta sempre più strampalati, tutti sono tornati a casa stanchi ma felici per tanti nuovi ricordi.


Archiviato in:Lupetti

I Rover di tutta la Regione a Serrada

Primo incontro di Regione per i nostri Rover (ragazzi dai 16 ai 19 anni) della Compagnia Halley. Nel fine settimana  del 21 e 22 Ottobre, 57 Rover si sono trovati a Serrada vicini a Folgaria. Ha avuto inizio così il CIR (Corso Inotrduzione al Roverismo), una due giorni dove i nuovi Rover gli viene spiegato il mondo del suo dei

Rover con le sue infinite possibilità e qualche piccola responsabilità. Mentre i Rover del primo anno imparavano scoprivano cose nuove sul mondo del Roverismo, i ragazzi più grandi si sono messi a disposizione dando una mano in cucina, nelle pulizie e nella preparazione del fuoco serale.

 

Per i nostri scout di Arco e anche per tutti gli altri un’ esperienza davvero bella, un’occasione per conoscere nuovi scout e stringere nuove amicizie, o incontrare facce già viste. A questo piccolo campo di due giorni erano presenti non solo i ragazzi di Arco, ma anche tutte le altre Sezioni scout del Trentino Alto Adige: Bolzano, Rorvereto, Trento e Calceranica.


Archiviato in:Rover

I Lupetti in aiuto del Sarca

Instancabili i nostri piccoli Lupetti sempre pronti per dare una mano. Domenica 15 ottobre tutto il Branco Impeesa si è dato appuntamento in località Moleta per contribuire alla cura del fiume Sarca. L’ iniziativa promossa dal Comune di Arco, il Bacino delle Riserve e l’associazione Maniflu mirava alla sistemazione di una parte di argine del fiume. Già nel periodo estivo i nostri Lupetti avevano aiutato nel togliere la folta vegetazione di bambù, pianta tanto affascinante quanto infestante. La Domenica mattina è stata dedicata ad un’ ulteriore pulizia e successiva semina e messa a dimora di piante più adatte per l’alveo del Sarca. Finito il duro lavoro, sotto un sole più estivo che autunnale, tutti si sono diretti verso la baita degli Alpini,  a Prabi, dove i generosi Alpini avevano preparato il pranzo. Finito il pasto  i Lupetti hanno giocato tra gli olivi della baita. Dopo il momento di svago i bambini hanno incontrato con alcuni membri dell’associazione ANFASS, che hanno mostrato loro tutti i lavori realizzati grazie al bambù che i Lupetti avevano raccolto nei mesi precedenti. Finito l’incontro i Lupetti sono tornati a casa, stanchi ma sicuramente divertiti.

 


Archiviato in:Lupetti

Inizio anno scout 2017/18

Sabato 30 settembre, si sono riuniti nella sede di Villa Tappainer, tutti gli scout CNGEI di Arco. Dopo la cerimonia di apertura con l’alza bandiera, Lupetti, Esploratori e Rover hanno iniziato le loro attività. I Senior si sono prodigati per preparare al cena a tutti i presenti. Dopo l’abbondante pasto, si sono svolte le cerimonie dei passaggi: i Lupetti dell’ultimo anno sono andati negli Esploratori, mentre nei Rover sono stati accolti gli Esploratori più “anziani”. Hanno firmato poi la partenza i Rover che hanno terminato il loro percorso educativo e si apprestano ora a far parte del gruppo dei Senior. La giornata è finita in grande allegria con tante emozioni, pronti per un nuovo anno carico di novità!

VI ASPETTIAMO PER LE NUOVE ISCRIZIONI!

Per chi fosse interessato da sabato 7 ottobre, presso la sede, dalle ore 14.30 si accolgono gli aspiranti scout. Le attività sono rivolte a tutti i ragazzi dagli 8 (nati nel 2009) fino ai 19 anni. I Lupetti accolgono i bambini dagli 8- ai 12 anni, gli Esploratori dai 12 ai 16 e i Rover dai 16 ai 19 anni.


Scout uniti per la Pace

Giovedì 21 settembre sia gli scout Cngei che Agesci di Arco, si sono dati appuntamento al monumento dello scoutismo, in via Baden Powell ad Arco. Alla presenza di più di 100 scout, sono state lette le rispettive Leggi Scout e recitate le promesse. Questo incontro che vuole essere una nuova tradizione, proprio nella giornata mondiale della Pace, ha come obiettivo non solo l’incontro tra i due gruppi, ma anche l’inizio di una collaborazione reciproca per ridare valore e dignità a un monumento importante sia per le due associazioni che per la città. Hanno presenziato alla cerimonia anche il Sindaco Alessandro Betta, l’Assessora Silvia Girelli e l’ Assessore Stefano Miori. In questo anno partirà, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, un progetto di riqualifica del monumento e dell’area dove è collocato, un’occasione di collaborazione e un atto concreto di Pace, oltre alle diversità.


Assemblea di Sezione 2017

Venerdì 15 settembre, alle ore 20.30, presso la nostra sede di Villa Tappainer è stata convocata l’annuale assemblea di Sezione. Possono partecipare all’assemblea tutti i soci maggiorenni regolarmente iscritti per l’anno scout 2016/2017.


Apertura nuovo anno Scout 2015/16

Nuove iscrizioni

Finalmente inizia un nuovo anno di avventure per gli scout CNGEI di Arco. Sabato 12 settembre abbiamo inaugurato il nuovo anno con tutti gli scout della Sezione! Ma il bello deve ancora arrivare: Sabato 19 settembre alle ore 15.00 presso la nostra sede – Villa Tappainer ad Arco – aspettiamo tutti i ragazzi e adulti che vogliono conoscere il mondo scout. Le iscrizioni sono aperte.

CHI PUO’ ISCIRVERSI?
Le iscrizioni sono aperte a tutti, i ragazzi sono divisi  tre gruppi (Branche)

  • Lupetti (8-12 anni)
  • Esploratori (12- 16 anni)
  • Rover (16-19 anni)

In più ci sono i Senior che comprendono gli scout da i 19 anni in su.

CHE ATTIVITA’ SI FANNO?

Le attività educative vengono pensate e programmate dai capi, cercando di rispondere alle esigenze dei ragazzi. Si prediligono attività all’aria aperta, attività manuali, escursioni, uscite didattiche fino a esperienze di gemellaggi scout sia nazionali che internazionali.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Per tutte le informazioni dettagliate, venite a trovarci nella nostra sede, il sabato dalle ore 15.00 alle 17.00 a partire dal 19 settembre.  Scrivete pure una mail a: arco@cngei.it

Vi aspettiamo numerosi!

Scambio di Auguri Scout

Ciao amici! Come è ormai consuetudine da anni, noi come Scout Arco CNGEI, ci troviamo per scambiarci gli auguri di Natale, paralre di Campo Invernale e passare qualche ora in compagnia. Quindi se sei un Lupetto, Esploratore, Rover, Senior  sei invitato al nostro “AperiScout”.  Ti aspettiamo quindi Domenica 21 Dicembre alle ore 11.00, nella nostra sede di Villa Tappianer per stare in allegria tutti assieme!

P.S. : Ovviamente sono invitati anche famigliari ed amici della Sezione!

 

Caccia di Branco alla Fattoria Didattica

Domenica 5 ottobre il Branco è uscito in Caccia alla Fattoria Didattica “En Galavra” di Comano Terme, dove hanno svolto insieme tante attività tipiche dell’ambiente contadino, per imparare gli usi e i costumi delle nostre fattorie.


 

 

Modifica Calendario Lupetti

L’attività di sabato 8 novembre 2014 è annullata: ci si ritrova per un’uscita di Branco la domenica 9 novembre 2014. Seguirà circolare.

Per chi volesse venire a trovarci per conoscerci, ci ritroviamo in Sede sabato 15 novembre alle ore 15.

Apertura Anno Scout 2014-2015

 

Per scaricare il modulo di iscrizione clicca qui

Come ogni anno, ormai da più di trenta, noi Scout CNGEI (associazione laica) di Arco, ripartono con le loro attività. Sabato 20 settembre dalle ore 15 alle 18, presso la loro sede a Villa Tappainer, invitiamo tutti i ragazzi (dagli 8 ai 19 anni) ad un pomeriggio di attività per avvicinarsi al mondo scout.

L’anno appena trascorso ha visto impegnati ragazzi e capi in molte attività nonostante il tempo poco favorevole. I Lupetti (8-12 anni), attraverso l’efficace metodo educativo dell’imparare giocando, hanno passato un anno molto intenso tra uscite sul territorio (ad esempio Parco Adamello Brenta, fattoria didattica, Muse), giochi in sede e i campi invernale ed estivo.

Gli Esploratori (12-16 anni) si sono dedicati, come di consueto, ad attività più avventurose. Non sono mancate le escursioni in montagna, gemellaggi con gli scout della nostra regione, i pernottamenti ed il campo estivo rigorosamente in tenda.

 

Dopo l’esperienza internazionale dei campi estivi degli Esploratori (Belgio e Austria), anche i Rover (16-19 anni) hanno voluto vivere un’esperienza forte di scambio culturale: il luglio scorso i ragazzi sono andati in Georgia, per passare dieci giorni gomito a gomito con i loro coetanei georgiani. Questa esperienza ha richiesto un intero anno di preparazione, oltre che uno grande sforzo per l’autofinanziamento. E’ stata fatta, inoltre, un’attività di servizio, collaborando con la Comunità di Valle per una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata nelle scuole elementari. Tutti i ragazzi sono stati impegnati su molti fronti e anche l’anno entrante si preannuncia pieno di attività.

 

Rover Jam Georgia 2014

Un paese che di certo non è fra i primi a

cui si penserebbe. “Ma come, andate in campeggio in America?” è stata probabilmente una delle domande più frequenti a cui ognuno di noi Rover ha dovuto rispondere, quando affermavamo con un certo compiacimento la destinazione della nostra annuale Estate Rover. Ma le bellezze del Caucaso nulla hanno a che vedere con la East Coast americana.

Tutto cominciò scoprendo che una donna arcense, che divenne il nostro contatto, lavorava a Tbilisi per conto di un’associazione. Di lì i primi contatti, i primi scambi di email, l’avvio del gemellaggio. Nel 2012, finalmente, due rappresentanti dello scou

tismo georgiano ci raggiunsero ad Arco. Il legame fra l’Italia e la Georgia (o Sakartvelo, come loro stessi la chiamano) divenne indissolubile. Tanto che, quasi due anni dopo, la Compagnia Halley di Arco raggiunse Bergamo, e da lì si imbarcarono sull’aereo che, dopo lo scalo tecnico di Instanbul, li condusse, nel pieno della notte, fino a Tbilisi.

Scoprimmo subito che in fondo la Georgia non era una terra poi così diversa da noi: montagne, ancora più alte delle nostre Alpi, fiumi e enormi spazi aperti che rivaleggiavano con la pianura padana. E da bravi scout, fu in mezzo alla natura che passammo i nostri primi quattro giorni in territorio georgiano, a Lagodekhi, una sorta di “equivalente” del nostro parco dello Stelvio. Nel folto delle foreste caucasiche, fra cascate spettacolari e montagne di più di quattromila metri, iniziarono finalmente a stringersi le amicizie fra noi e i nostri “colleghi” georgiani, probabilmente fra le persone più ospitali e disponibili che avremmo mai potuto conoscere. Era divertente imparare a contare in georgiano e sentirsi realizzati quando si arrivava al dieci, o cercare di decifrare il loro criptico alfabeto che sembrava uscito dall’elfico di Tolkien.

E poi, venne il giorno di rientrare a Tbilisi. Passammo due giorni nella capitale, guidati dagli amici georgiani, visitando i luoghi più importanti, le chiese più antiche, e i vicoli più caratteristici della città, spaziando dalla fortezza sul colle al Parlamento, dal palazzo presidenziale ai bagni turchi, non solo tipici ma addirittura simbolo della città, Tbilisi, che in georgiano vuol proprio dire “caldo”. Alla fine, fra un kinkhali e l’altro, venne il tempo di lasciare la capitale e viaggiare per tutta la Georgia (o quasi), ricercando i luo

ghi più curiosi e rilevanti, cercando di assimilare, nel poco tempo che avevamo, tu

tta la cultura che potevamo. Visitammo luoghi come David Gareja e Uplistsikhe, rispettivamente un monastero e una città scavati interamente nella roccia desertica. E poi Mtskheta, l’antica capitale e attuale sede della Chiesa ortodossa georgiana; Ananuri, antichissima fortezza sulle sponde del fiume Aragvi, non troppo distante dalla Chiesa di Gergeti, che sorgeva a più di tremila metri sul monte Kazbek, a pochissimi chilometri dal confine russo. E per finire Gori, famosa per aver dato i na tali al dittatore sovietico Stalin.

Quando venne il momento di partire, per viaggiare da Gori fino a Rustavi, dove ha sede l’International Scout Center, e di lì fino all’aeroporto di Tbilisi, eravamo certo dispiaciuti di non poter restare. I georgiani, che fossero scout o meno, si erano rivelati persone straordinariamente ospitali, amichevoli e socievoli, con cui discorrere anche per tutto il giorno.

Così come la stessa Georgia, con le sue incommensurabili bellezze, si era rivelata una terra accogliente, così simile a casa.

Pagine