Aggregatore di feed

Rover Jam Georgia 2014

Sezione di Arco -

Un paese che di certo non è fra i primi a

cui si penserebbe. “Ma come, andate in campeggio in America?” è stata probabilmente una delle domande più frequenti a cui ognuno di noi Rover ha dovuto rispondere, quando affermavamo con un certo compiacimento la destinazione della nostra annuale Estate Rover. Ma le bellezze del Caucaso nulla hanno a che vedere con la East Coast americana.

Tutto cominciò scoprendo che una donna arcense, che divenne il nostro contatto, lavorava a Tbilisi per conto di un’associazione. Di lì i primi contatti, i primi scambi di email, l’avvio del gemellaggio. Nel 2012, finalmente, due rappresentanti dello scou

tismo georgiano ci raggiunsero ad Arco. Il legame fra l’Italia e la Georgia (o Sakartvelo, come loro stessi la chiamano) divenne indissolubile. Tanto che, quasi due anni dopo, la Compagnia Halley di Arco raggiunse Bergamo, e da lì si imbarcarono sull’aereo che, dopo lo scalo tecnico di Instanbul, li condusse, nel pieno della notte, fino a Tbilisi.

Scoprimmo subito che in fondo la Georgia non era una terra poi così diversa da noi: montagne, ancora più alte delle nostre Alpi, fiumi e enormi spazi aperti che rivaleggiavano con la pianura padana. E da bravi scout, fu in mezzo alla natura che passammo i nostri primi quattro giorni in territorio georgiano, a Lagodekhi, una sorta di “equivalente” del nostro parco dello Stelvio. Nel folto delle foreste caucasiche, fra cascate spettacolari e montagne di più di quattromila metri, iniziarono finalmente a stringersi le amicizie fra noi e i nostri “colleghi” georgiani, probabilmente fra le persone più ospitali e disponibili che avremmo mai potuto conoscere. Era divertente imparare a contare in georgiano e sentirsi realizzati quando si arrivava al dieci, o cercare di decifrare il loro criptico alfabeto che sembrava uscito dall’elfico di Tolkien.

E poi, venne il giorno di rientrare a Tbilisi. Passammo due giorni nella capitale, guidati dagli amici georgiani, visitando i luoghi più importanti, le chiese più antiche, e i vicoli più caratteristici della città, spaziando dalla fortezza sul colle al Parlamento, dal palazzo presidenziale ai bagni turchi, non solo tipici ma addirittura simbolo della città, Tbilisi, che in georgiano vuol proprio dire “caldo”. Alla fine, fra un kinkhali e l’altro, venne il tempo di lasciare la capitale e viaggiare per tutta la Georgia (o quasi), ricercando i luo

ghi più curiosi e rilevanti, cercando di assimilare, nel poco tempo che avevamo, tu

tta la cultura che potevamo. Visitammo luoghi come David Gareja e Uplistsikhe, rispettivamente un monastero e una città scavati interamente nella roccia desertica. E poi Mtskheta, l’antica capitale e attuale sede della Chiesa ortodossa georgiana; Ananuri, antichissima fortezza sulle sponde del fiume Aragvi, non troppo distante dalla Chiesa di Gergeti, che sorgeva a più di tremila metri sul monte Kazbek, a pochissimi chilometri dal confine russo. E per finire Gori, famosa per aver dato i na tali al dittatore sovietico Stalin.

Quando venne il momento di partire, per viaggiare da Gori fino a Rustavi, dove ha sede l’International Scout Center, e di lì fino all’aeroporto di Tbilisi, eravamo certo dispiaciuti di non poter restare. I georgiani, che fossero scout o meno, si erano rivelati persone straordinariamente ospitali, amichevoli e socievoli, con cui discorrere anche per tutto il giorno.

Così come la stessa Georgia, con le sue incommensurabili bellezze, si era rivelata una terra accogliente, così simile a casa.

Serata informativa sulle cyber-problematiche

Sezione di Calceranica -

Nell’ottica scautistica di contribuire alla formazione di cittadini informati e responsabili abbiamo creduto opportuno, come sezione scout, provare ad organizzare anche occasioni di formazione non solo per i ragazzi ma anche per gli adulti, in particolare per i censiti del Comune di Calceranica al Lago, allargando comunque l’iniziativa a chi fosse interessato, in particolare passando informativa anche all’Istituto Comprensivo Scolastico di Levico.

Buona caccia

Inaugurazione Sede

Sezione di Arco -

L’inaugurazione della nostra sede scout è un momento molto importante. Sarà  anche l’occasione per scambiarsi gli auguri di Natale. Via Aspettiamo a Villa Tappainer ad Arco alle ore 11.00

Inaugurazione sede scout Arco

Buone Feste

Sezione di Bolzano -

La dirigenza della Sezione augura a tutti i soci, familiari e simpatizzati un buon Natale e un sereno 2014.

Corso Capi Pattuglia, Geroli 2013

CNGEI regione Trentino - Alto Adige -

Si è svolto a Geroli, in val di Terragnolo, il Corso Capi Pattuglia Regionale. Dicotto i ragazzi presenti, provenienti da 3 delle 5 realtà CNGEI regionali: Arco, Calceranica e Rovereto. Immersi in un Thriller mozzafiato hanno dovuto vestire i panni di CSI per risolvere il caso de "La spia e il Tiramisù assassino".

Un occasione per per confrontarsi con altri CP e VCP, imparare i rudimenti della programmazione di pattuglia e altre cose utili da riportare a casa e applicare alla prima riunione con i compagni del reparto di appartenenza.

Cliccando sull'immagine potete accedere alla galleria di foto dell'evento!

Tags: Corso Capi PattugliaNews

Pagine

Subscribe to cngeirovereto.it aggregatore